Nidi, Davide Bordoni (LEGA): Tutelare il sistema integrato dei servizi all’Infanzia

BORDONI, Il sistema integrato dei servizi all’Infanzia di Roma è a rischio. Emergenza Nidi e spazi per servizi 0-6 convenzionati con il Comune. Il sistema integrato di gestione dovrebbe essere occasione di sviluppo e crescita dell’offerta nell’ottica del miglioramento del sistema di Welfare Comunitario. Un sistema che genera la possibilità per i privati di investire sul servizio sociale le proprie risorse e creare un servizio con tariffe concordate dal Comune. Stiamo parlando di imprenditoria sociale specificatamente femminile. Considerando però l’attuale situazione di perdurante incertezza e preoccupazione presenterò un’interrogazione urgente alla Sindaca Raggi; nel post-pandemia sembrerebbe esserci un sostanziale disinteresse per il servizio dei nidi convenzionati caratterizzato dall’assenza di indicazioni dell’Amministrazione, in caso di chiusure dovute al Covid – in tema di modalità di gestione organizzativa ed economica dei nidi – avvalorato dalla mancanza di riscontri alle richieste di rinnovo di convenzioni nonostante si tratti di servizi importantissimi per le famiglie, e in particolare per consentire alle donne di integrare vita privata e lavorativa. C’è bisogno di risposte concrete, serve un piano di salvaguardia e sviluppo dei servizi educativi, riteniamo ormai indifferibile che si proceda a un piano straordinario di assunzioni di educatrici, educatori e insegnanti. Diversamente si rischia di far saltare un sistema oggi integrato e di affossare anni di battaglie e di conquiste per un servizio importante alla Città. Così in una nota il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su reddit
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Video

Facebook