MUNICIPIO IV, BORDONI (LEGA): RESIDENTI SETTECAMINI VIVONO NELL’INGIUSTIZIA

MUNICIPIO IV, BORDONI – RESIDENTI SETTECAMINI VIVONO NELL’INGIUSTIZIA – A metà tra visita a sorpresa e sopralluogo in incognito, sabato mattina, la Raggi si è recata in uno dei quadranti della città che maggiormente risentono l’abbandono da parte dell’amministrazione comunale. Un incontro a Settecamini tra pochi intimi che di certo non risolve i problemi di un quartiere intero, soprattutto quando i residenti e i Cdq, invece di scoprire “ex post” su Instagram questa passeggiata programmatica della sindaca, avrebbero preferito di gran lunga avere la possibilità di parlare con la diretta interessa per dirgli chiaramente tutto quello che non va.” Così il consigliere capitolino della Lega Davide Bordoni che aggiunge: “La sindaca “promette” un’area giochi per voler mettere la ciliegina su di una torta che non esiste. A Settecamini manca tutto e sono anni che si attendono i servizi essenziali ma i cittadini anno dopo anno in zona perdono sempre qualcosa. Prima la caserma dei Carabinieri, non più ripristinata, poi il senso unico in direzione Tiburtina che rende i residenti prigionieri del loro stesso quartiere non essendoci alcun collegamento tra la parte nuova e quella vecchia al di là di via Casal Bianco. A Settacamini hanno chiuso anche i due centri sportivi comunali con una piscina, i bandi sono andati deserti, idem per la manutenzione del parco che per il Comune non esiste perché non regolarizzato e l’unico manutenuto in zona è troppo lontano, raggiungibile solo con una sterrata. Una situazione davvero troppo grave per chiedere ai cittadini di armarsi di scope e sacchi in un retake improvvisato in attesa dell’Ama che in zona passa sempre più raramente. La Raggi insiste nel fare sopralluoghi di nascono con foto opportunity dopo 5 anni ancora deve ascoltare le richieste delle persone ed intervenire in modo efficiente.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su skype
Condividi su linkedin
Condividi su email