Elezioni, Bordoni (Lega): rincari inaccettabili, giù iva su pane e pasta

Roma, 9 set – “Il prezzo del pane continua ad aumentare giorno dopo giorno in tutto il Paese. A Roma e provincia Cna stima rincari di oltre il 30 per cento, un chilo di pane casereccio arriva a costare 4 euro. Il Governo intervenga subito per tenere sotto controllo l’aumento dei prezzi dei beni alimentari di prima necessità come pane, latte e pasta, che non possono sparire dalla tavola degli italiani”, così in una nota Davide BORDONI, candidato con la Lega Salvini Premier in Senato nella circoscrizione Lazio 1. “Dobbiamo sostenere i panettieri, i commercianti e l’intera filiera produttiva – penso al mondo del turismo, agli alberghi, ai bar e ai ristoranti – dal caro bolletta e dalla rincorsa della inflazione. Bisogna anche tenere alta la guardia sulle infiltrazioni della speculazione nel ciclo produttivo e della distribuzione, contrastando gli accaparramenti delle materie prime. Cominciamo azzerando l’Iva su pane e pasta. Il prezzo di questi beni non può aumentare perché rischieremmo di avere delle gravi ricadute a livello sociale”, prosegue BORDONI. “Condivido infine la proposta di Cna di promuovere la creazione di comunità energetiche sui territori, coinvolgendo pubblico e privato, in grado di produrre energia pulita nella nostra Capitale. Ogni proposta utile a contrastare il caro energia va incentivata e sostenuta in questa fase così difficile nella vita economica del nostro Paese”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su skype
Condividi su linkedin
Condividi su email