TPL, Davide Bordoni (LEGA): Trasporti nel caos, didattica a rischio, Raggi pensa solo a Mobilità leggera

BORDONI, La Scuola prima di tutto, dopo un’estate passata a disegnare improbabili piste ciclabili adesso la Raggi è davanti alle sue responsabilità, all’inadeguatezza del trasporto pubblico e ai timori dell’Associazione nazionale presidi che teme una nuova interruzione della didattica in presenza per colpa dei mezzi che non funzionano. Sono su tutti i giornali le immagini di assembramenti nelle stazioni e sui mezzi pubblici della Capitale ed è già scontro tra Codacons e le associazioni del trasporto pubblico: con l’attuale soglia di tolleranza all’80% abbiamo già raggiunto e superato il limite. Qualsiasi ulteriore stretta sarebbe impossibile da attuare senza tornare alla didattica a distanza ma questo livello di impreparazione non può ricadere solo sulle famiglie e gli studenti. Invece di potenziare il Trasporto pubblico la Raggi si è occupata solo di mobilità leggera tra monopattini e piste ciclopedonali che, come nel caso di via Gregorio VII e via Tuscolana, hanno prodotto pericolosi restringimenti delle carreggiate. È impossibile pensare che si possa continuare a viaggiare imbottigliati nel traffico o ammassati sui mezzi pubblici. Basta sottovalutare il problema, la distanza di sicurezza è obbligatoria come obbligatorio dovrebbe essere anche il buon senso da parte di chi amministra. Così in una nota il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su reddit
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Video

Facebook