Davide Bordoni - Roma Capitale - Consigliere dell'Assemblea Capitolina

BANCHETTI VIII MUNICIPIO BANCHETTI III MUNICIPIO BERLUSCONI PRESIDENTE Berlusconi e i Giovani Berlusconi: meno Stato Berlusconi e il Grillismo Berlusconi e il reddito di dignità Berlusconi_ combattere Berlusconi: i grillini sono un pericolo credere nella democrazia Berlusconi e Europa Berlusconi e il ruolo del genitore Berlusconi è in gioco la democrazia Berlusconi taglio delle tasse Amore per la libertaà Meno tasse Come abbiamo ridotto le tasse Disoccupazione 2 MANIFESTO BORDONI ELEZIONI POLITICHE 4 MARZO 2018 Volantino_1

Notizie

11 gennaio 2018

RIFIUTI, BORDONI (FI): ORMAI NE TIRANO FUORI UNA AL GIORNO E ROMA È SOMMERSA

(OMNIROMA) Roma, 11 GEN - "Stiamo assistendo ad una teatrino dell'assurdo tra Comune e Regione che continuano a rimpallarsi le responsabilità sui rifiuti mentre Roma è al collasso su tutti i fronti. Sono settimane che si accusano a vicenda, la Regione aspetta il Comune e il Comune dice che è colpa della Regione. In tutto ciò nei quartieri, dal centro alla periferia, i cassonetti sono stracolmi di immondizia che non viene raccolta e i romani continuano a pagare la tassa sull'immondizia tra le più alte in Italia. Siamo costretti a mandare i rifiuti fuori il Lazio perché non esiste un piano programmatico. Prima hanno provato con l'Emilia Romagna, adesso l'ultima speranza sembra l'Abruzzo che ha chiesto delle certezze alla Sindaca, richiesta normale vista la gestione di Roma. Come se non bastasse tutto ciò, ieri Di Maio ha dichiarato che si sta procedendo alla costruzione di tre impianti. Dove? Quando? Nessuno ne sa niente. Siamo arrivati al limite, la Capitale d'Italia è gestita in maniera totalmente approssimativa e senza criterio, questa è l'unica certezza". Lo dichiara, in una nota, Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia in Campidoglio e vicepresidente della commissione capitolina ambiente.

Rifiuti, Bordoni (Fi): ormai ne tirano fuori u na al giorno e Roma e' al collasso

(AGENPARL) - Roma, 11 gen 2018 - "Stiamo assistendo ad una teatrino dell'assurdo tra Comune e Regione che continuano a rimpallarsi le responsabilita' sui rifiuti mentre Roma e' al collasso su tutti i fronti. Sono settimane che si accusano a vicenda, la Regione aspetta il Comune e il Comune dice che e' colpa della Regione. In tutto cio' nei quartieri, dal centro alla periferia, i cassonetti sono stracolmi di immondizia che non viene raccolta e i romani continuano a pagare la tassa sull'immondizia tra le piu' alte in Italia. Siamo costretti a mandare i rifiuti fuori il Lazio perche' non esiste un piano programmatico. Prima hanno provato con l'Emilia Romagna, adesso l'ultima speranza sembra l'Abruzzo che ha chiesto delle certezze alla Sindaca, richiesta normale vista la gestione di Roma. Come se non bastasse tutto cio', ieri Di Maio ha dichiarato che si sta procedendo alla costruzione di tre impianti. Dove? Quando? Nessuno ne sa niente. Siamo arrivati al limite, la Capitale d'Italia e' gestita in maniera totalmente approssimativa e senza criterio, questa e' l'unica certezza". Lo dichiara, in una nota, Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia in Campidoglio e vicepresidente della commissione capitolina ambiente.

RIFIUTI: BORDONI (FI), ORMAI NE TIRANO FUORI UNA AL GIORNO E ROMA E' SOMMERSA DA IMMONDIZIA

Roma, 11 gen. - (AdnKronos) - "Stiamo assistendo ad una teatrino dell'assurdo tra Comune e Regione che continuano a rimpallarsi le responsabilità sui rifiuti mentre Roma è al collasso su tutti i fronti. Sono settimane che si accusano a vicenda, la Regione aspetta il Comune e il Comune dice che è colpa della Regione. In tutto ciò nei quartieri, dal centro alla periferia, i cassonetti sono stracolmi di immondizia che non viene raccolta e i romani continuano a pagare la tassa sull'immondizia tra le più alte in Italia". Lo dichiara, in una nota, Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia in Campidoglio e vicepresidente della commissione capitolina ambiente. "Siamo costretti a mandare i rifiuti fuori il Lazio perché non esiste un piano programmatico. Prima hanno provato con l'Emilia Romagna, adesso l'ultima speranza sembra l'Abruzzo che ha chiesto delle certezze alla Sindaca, richiesta normale vista la gestione di Roma. Come se non bastasse tutto ciò, ieri Di Maio ha dichiarato che si sta procedendo alla costruzione di tre impianti. - conclude - Dove? Quando? Nessuno ne sa niente. Siamo arrivati al limite, la Capitale d'Italia è gestita in maniera totalmente approssimativa e senza criterio, questa è l'unica certezza".

Notizie - Archivio

Indietro

Pagina

di 163

Vai
Avanti

Video

COME SI VOTA

Informazioni legali e sulla privacy Mitdesign - siti internet Roma - web e mobile